giovedì 10 febbraio 2011

Recensione "Il dilemma dell'onnivoro" di Micheal Pollan


Il dilemma dell'Onnivoro di Micheal Pollan


Titolo: Il dilemma dell'onnivoro
Autore: Micheal Pollan
Pagine: 320
Prezzo: € 13,50
Uscita: Gennaio 2011
ISBN: 9788809746077




Trama
Da dove vengono i cibi che ingeriamo? Che cosa stiamo mangiando davvero? Michael Pollan decide di improvvisarsi «detective del cibo» per conoscere l'evoluzione e i segreti nascosti dietro quello che si mangia, dal seme al frutto, dalla storia del «cibo con una faccia» alla carne lavorata e anatomicamente irriconoscibile. Inizia così una ricerca che lo porta a conoscere varie realtà, dalla produzione industriale a quella dei produttori diretti. Fast food, supermercati, fabbriche, macelli e piccole fattorie diventeranno il terreno della sua instancabile marcia verso la consapevolezza. In questo viaggio pieno di scoperte ma anche di incertezze, Pollan dovrà affrontare molte esperienze che lo metteranno a dura prova, dovrà combattere e accettare compromessi, dovrà forzare la sua indole e imparare a cacciare e a uccidere per nutrirsi. Alla fine però ritroverà la strada di un rapporto diverso con madre natura e sarà in grado di scegliere come comprare, cucinare e mangiare. La sua ricerca si conclude con un menù a quattro portate dove finalmente quello che c'è nel piatto non è più un dilemma ma la storia appena raccontata.
Recensione
Prima di cominciare a scrivere questa recensione, devo assolutamente fare qualche premessa. Questo è il mio primo blog, la mia prima recensione, e il primo libro mandatomi dalla Giunti Y, quindi vi prego di passare ualche eventuale gaffe. Quando mi sono proposta come Y Ambassador, mi aspettavo tutto meno che un libro sul cibo; nonostante questo devo dire di aver davvero apprezzato "Il dilemma dell'onnivoro" di Micheal Pollan, un libro che, senza mezzi termini, parla di ciò che si trova nei nostri piatti, e lo fa con grande competenza e ottima capacità di adattamento a un tipo di scrittura destinato ai giovani. Il dilemma dell'onnivoro è strutturato in modo da non fare confondore nonostante l'argomento importante. Esso si divide in quattro parti, ed ognuna di esse tratta un determinato tipo di percorso che "compie" il cibo prima di raggiungere i nostri piatti. Pur essendo consapevole della malsanità del cibo dei fast food (dopotutto, chi non è cresciuto con la classica frase "I panini del McDonald's fanno male alla salute!"?), mi ha particolarmente colpito la frase (che si trova anche nel "retro") 
«Quando mangi fast food mangi letteralmente petrolio.» 
Complessivamente un libro bello e interessante: da leggere!
3½/5



Nessun commento:

Posta un commento