sabato 14 gennaio 2012

Recensione "Firelight. La ribelle" di Sophie Jordan (Firelight #1)

Titolo: Firelight. La ribelle
Titolo originale: Firelight
Autrice: Sophie Jordan
Editore: Piemme
Pubblicazione: 3 Gennaio 2012
Pagine: 280
Prezzo: € 9,90
Image and video hosting by TinyPic
Discendiamo dai draghi. Siamo dei mutaforma che hanno sviluppato la capacità di apparire umani per sfuggire ai Cacciatori. Viviamo nascosti nelle foreste remote, volando solo di notte, dispiegando le ali quando nessuno può vederci. Siamo Draki. Io mi chiamo Jacinda e sono il tesoro del mio branco, l’unica capace di soffiare ancora fuoco. Ma dopo aver infranto per l’ennesima volta le regole che proteggono la vita della nostra comunità, sono stata costretta a fuggire insieme a mia madre e mia sorella. Ci siamo sepolte vive in un’anonima cittadina, dove sono costretta a mantenere l’aspetto umano con il rischio di dimenticare la mia vera natura. Finché non mi sono ritrovata nella stessa scuola del mio Cacciatore. È possibile una simile coincidenza? Oppure questo bellissimo e pericoloso ragazzo non è quello che la sua famiglia vorrebbe far credere?
Mi vergogno ad ammetterlo, ma ho comprato questo libro perché mi è piaciuta la copertina. E' una cosa che detesto, ma non posso farci niente! Io amo le belle copertine.
Per fortuna, comunque, il libro non mi ha affatto delusa.
La casa editrice ha lasciato la copertina originale, modificandola (credo) in modo tale da renderla addirittura più bella (cosa che in genere sembra una mission impossible alle case editrici italiane, chissà perché!)
Ha lasciato il titolo originale, cosa che apprezzo tantissimo, essendo io un'acerrima nemica dei titoli italianizzati.
Le mie tasche ringraziano!
In sintesi, ottimo lavoro.
Jacinda ha diciassette anni ed è una draki. I draki sono creature discententi dai draghi, ma più umanizzati. Ogni draki può assumere aspetto umano, ed è il segreto meglio mantenuto dell'intera specie.
Inoltre, ogni draki sviluppa delle "capacità" particolari.
Comunque, Jacinda è una draki sputafuoco, la prima in diversi secoli.
Per questo è stata promessa a Cassian, futuro maschio alfa del loro clan.
Quando Jacinda infrange una regola del clan (volare di giorno), la madre decide di portarla lontano dal clan, che vuole farle del male.
Così, Jacinda, sua sorella gemella Tamra e la loro madre scappano.
Si da il caso che Jacinda sia l'unico draki rimasto in famiglia. Sua sorella non si è mai manifestata (cioè non è mai diventata draki) e sua madre ha lasciato morire il suo draki in seguito alla morte del marito, ucciso dai Cacciatori.
I Cacciatori (come si può dedurre dal loro nome) cacciano i draki; loro acerrimi nemici.
Jacinda e Tamra si iscrivono nella nuova scuola, e la protagonista si innamora, ricambiata, di Will, che si scoprirà essere un cacciatore, lo stesso che, prima che lei fuggisse dal clan, aveva salvato la draki dagli altri Cacciatori...

Ho letto pareri contrastanti su questo libro.
Ovviamente non si tratta di un capolavoro, e non è neanche il massimo dell'originalità. Voglio dire, la routine è sempre quella. Una qualche magica creatura sotto mentite spoglie (vampira, licantropa, draki che sia..) si iscrive in un liceo, si innamora del bello e impossibile che però ovviamente la ricambia, si inimichisce la biondina figa di turno eccetera.
Ciò che contraddistigue questo romanzo (oltre agli innovativi draki, ovviamente), è il fatto che, nonostante la solita "scaletta", la protagonista non è una ragazzina scema e che la biondina figa di turno non è il nemico.
E ne ho letti di young adult con la suddetta cheerleader malvagia.
Questo libro, invece, è pieno di proganisti interessanti e di cattivi parecchio inquentanti.
Il personaggio di Jacinda mi è piaciuto molto, anche se magari la Jordan poteva renderla un pò meno succube della sorella!
Quello che non mi ha convinto affatto,  invece, è Will. L'ho odiato dalla prima all'ultima pagina.
Parecchio affascinante, invece, è Xander, ho fatto il tifo per lui fino alla fine del libro, lo ammetto.
Che posso farci, ho un debole per i cattivi :p
In ogni caso, voglio essere buona con questo libro, che, complessivamente, mi è piaciuto.
La trilogia è composta da:
1. Firelight. La ribelle
2. Vanish. La traditrice
3. Hidden. La prigioniera

1 commento:

  1. BElla recensione!
    eh eh anche io sono una fan dei cattivoni! molto affascinanti XD
    Il libro l'ho letto è mi è piaciuto molto, nonostante ho letto molti YA fino ad ora. Sono contenta di non aver sprecato dei soldini, anche se all'inizio ero riluttante a comprarlo **

    RispondiElimina