domenica 21 ottobre 2012

Recensione "Un bacio dagli Abissi" di Anne Greenwood Brown (Lies Beneath #1)

Titolo: Un bacio dagli abissi
Titolo originale: Lies Beneath
Autrice: Anne Greenwood Brown
Editore: Mondadori
Collana: Chrysalide
Data di uscita: 18 Settembre 2012
Voto: ♥♥♥½

Quando l’amore vero diventa una trappola mortale.
Lily pensa che il suo nuovo amico Calder sia un ragazzo normale. Calder, però, nasconde un terribile segreto: fa parte di una stirpe di sirene e tritoni assassini, che vivono nei Grandi Laghi e si nutrono dell’energia degli esseri umani. Spinto dalle sue sorelle, il ragazzo esce dall’acqua per uccidere l’uomo responsabile della morte della loro madre. L’uomo è il padre di Lily e l’unico modo per avvicinarlo è sedurre sua figlia. 
Abituato ad ammaliare le ragazze con la sua faccia d’angelo, Calder scopre che Lily è molto speciale: si veste con abiti retrò, ha un volume di poesie da cui non si separa mai e, soprattutto, non cade subito ai suoi piedi, costringendolo a passare molte giornate insieme. E in queste giornate, proprio mentre Lily inizia a capire che le leggende dei laghi hanno un fondo di verità e le acque profonde potrebbero riservare pericoli mostruosi, Calder si innamora di lei.

Recensione
Oggi volevo parlarvi di una lettura terminata il mese scorso, Un bacio dagli abissi.
Avevo grandi aspettative al riguardo, e purtroppo non posso dire che siano state soddisfatte del tutto. 

Calder, protagonista e voce narrante del romanzo - è un sirenetto (non è una battuta, nel romanzo è chiamato proprio così), ma non aspettatevi le creature dolci e innocue del cartone animato targato Disney, perché qui si tratta di esseri crudeli e privi di sentimenti, che ammaliano esseri umani e poi li affogano, per appropriarsi delle loro emozioni.
È proprio questo ciò che Calder e le sue tre sorelle - Maris, Talullah e Pavati - fanno.
Ma quello che vogliono più di tutto è vendicare la morte della loro madre, che era stata uccisa da un certo Tom Hancock.
Le tre sorelle sono finalmente riuscite a rintracciare il figlio di Tom Hancock, Jason, che vive con sua moglie e le sue due figlie nei pressi del Lago Superiore.
Maris, la più agguerrita delle tre, organizza un piano: Calder dovrà cercare di ammaliare Lily, la figlia diciassettenne di Jason, in modo da attirare il padre, ed ottenere finalmente quello che vogliono: la vendetta.
Calder, attratto dall'offerta di Maris di concedergli la libertà dal legame psichico che accomuna sirene e sirenetti appartenenti allo stesso "branco", accetta.
Ma le cose non vanno secondo i suoi piani: perché Lily è bella, intelligente e decisamente fuori dal comune. E come può fare lui a uccidere suo padre, se si innamora davvero di Lily?

Con Un bacio dagli Abissi speravo di scoprire un romanzo young adult originale, una vera ventata d'aria fresca, ma purtroppo non è stato così. Il problema di questo libro è, infatti, che non aggiunge nulla di nuovo, nulla che non sia già stato visto e rivisto, al panorama dello young adult e dell'urban fantasy; ed è un vero peccato, perché le premesse c'erano.
Un bacio dagli abissi è una lettura scorrevole, si legge in poco tempo e lascia di sé un piacevole ricordo, ma d'altra parte si è rivelato anche parecchio deludente.
I personaggi sono sulla carta e là rimangono: nessuno spessore, nessuna caratterizzazione, niente di niente; soprattutto i protagonisti.
Il problema di Calder è che non c'è una vera e propria maturazione in lui, non è il sirenetto cattivo che si converte, lui è già buono. Sin dalle prime pagine del romanzo si rifiuta di nutrirsi di umani e si fa scrupoli per tutti. Decisamente non è una creatura senza sentimenti.
Lily si prospettava un personaggio interessante, ma in realtà è il personaggio più "abbozzato" dell'intero romanzo.
Gli unici personaggi ben riusciti e, soprattutto, coerenti con sé stessi, sono le tre sorelle di Calder, anche se purtroppo hanno un ruolo piuttosto marginale.
Un'altra cosa che mi ha deluso è stata la totale assenza di descrizioni delle ambientazioni e della vita delle sirene stesse, che credevo sarebbe stata una delle colonne portanti dell'intero romanzo.
La cosa peggiore, e me rendo conto proprio adesso, scrivendo la recensione è che, se si togliessero le parti in cui viene ricordato al lettore che i protagonisti sono sirene, non cambierebbe proprio nulla, e Un bacio dagli abissi sarebbe uno young adult qualunque.

La cosa più strana, però,è che a me Un bacio dagli abissi è piaciuto, nonostante le critiche del paragrafo qui sopra.
Ci sono infatti, anche dei lati positivi, come lo stile narrativo dell'autrice, che è semplice e non troppo elaborato, e i capitolo scorrono velocemente.

In conclusione, posso consigliare il romanzo a chi si avvicina allo young adult/urban fantasy per le prime volte, oppure ai lettori appassionati ma molto giovani.
Complessivamente una lettura carina.

♥♥♥½

La saga Lies Beneath è composta da:
1. Un bacio dagli abissi, 18 Settembre 2012 (Lies Beneath, Giugno 2012)
2. Deep Betrayal, attualmente inedito in Italia (previsto in patria per Marzo 2013) 

Il sequel di Un bacio dagli abissi (contiene spoiler per chi non abbia letto il primo!)

Trama (tradotta da me): 
Sono passati trenta giorni, due ore e diciassette minuti da quando Calder ha lasciato Lily sulla riva del Lago Superiore. Non che lei conti. E quando Calder ritorna, non è proprio il ricongiungimento che in cui sperava Lily. Soprattutto dopo aver lasciato che suo padre scoprisse un enorme segreto: lui, come Calder, è un sirenetto. Ossessionato dalla sua nuova identità, il padre di Lily monopolizza il tempo di Calder facendo sì che loro due passino ogni giorno in acqua, lasciando Lily da parte.Poi cadaveri cominciano a spuntare a riva. Calder incolpa le sue sorelle, ma Lily ha paura che suo padre abbia abbracciato il naturale bisogno di nutrirsi delle sirene. Quando i corpi cominciano ad apparire, tutti  puntano il dito. Lily non sa a cosa credere – sa solo che chiunque sia il responsabile, di sicuro colpirà ancora..

1 commento: