sabato 23 luglio 2016

Recensione "Fangirl" di Rainbow Rowell

Titolo: Fangirl
Titolo originale: Fangirl
Autrice: Rainbow Rowell
Editore: Piemme
Pubblicazione: 18 Ottore 2016
Pagine: 513
Prezzo: € 17,00
Image and video hosting by TinyPic
Cath è una fan di Simon Snow. Okay, tutti sono fan di Simon Snow... Ma per Cath, essere una fan è tutta la sua vita - ed è molto brava in questo. Lei e la sua sorella gemella, Wren, hanno cominciato a rifugiarsi nella serie di Simon Snow quando erano bambine; è stato ciò che ha permesso loro di superare l'abbandono della loro madre. Leggere. Rileggere. Frequentare i forum di Simon Snow, scrivere fanfiction su Simon Snow, travestirsi come i personaggi ad ogni première dei film. La sorella di Cath si è allontanata dal fandom, ma Cath no. Non vuole farlo. Adesso che stanno per andare al college, Wren ha detto a Cath che non vuole essere la sua compagna di stanza. Cath è da sola, completamente fuori dalla sua comfort zone. Ha una compagna di stanza scontrosa con un ragazzo affascinante e sempre nei dintorni, una professoressa di scrittura creativa che pensa che le fanfiction siano la fine del mondo civile, un bellissimo compagno di classe che vuole parlare solo di parole... E lei non riesce a smettere di preoccuparsi per suo padre, che è affettuoso e fragile e che non è mai stato davvero da solo. Per Cath, la domanda è: Può farlo? Può farcela senza Wren a tenerle la mano? E' pronta a cominciare a vivere la sua vita? A scrivere le sue storie? E vuole anche solo andare avanti, lasciandosi Simon Snow alle spalle?
Cath e Wren sono due gemelle identiche che hanno sempre fatto tutto insieme. In realtà, le due sorelle non potrebbero essere più diverse: Wren è più solare ed estroversa, mentre Cath è timida e più chiusa, sempre felice di nascondersi dietro al suo profilo online, con il nome di MagiCath, sul sito di Fanfixx.
È qui che Cath pubblica le fanfiction che scrive sulla sua serie preferita: quella di Simon Snow.
Cath e Wren, da piccole, scrivevano spesso insieme ma, con il tempo, Wren ha cominciato ad allontanarsi dalla sorella, sempre di più.
Le due stanno per cominciare il college e Wren dà a Cath una notizia sconvolgente: non vuole più dividere la camera con lei, vuole cercare una compagna di stanza.
Così, Cath si ritrova costretta a dividere, a sua volta, la camera con una ragazza che non conosce, Reagan. Quest'ultima è scontrosa e completamente disinteressata a Cath. Come se non bastasse, nella loro stanza c'è sempre anche un'altra persona: Levi, il ragazzo/non ragazzo di Raegan.
Cath decide di seguire un corso di scrittura, ma la sua insegnante sostiene che le fanfiction siano inutili e, soprattutto, Cath continua a preoccuparsi per suo padre, ormai solo e incapace di badare a sé stesso.
A Cath non resta che scoprire se è davvero capace di farcela senza Wren e sopratutto, se è disposta a mettere da parte le sue amate fanfiction.

“Reagan era seduta alla scrivania di Cath quando Cath si svegliò. 
"Sei sveglia?"
"Mi stavi guardando dormire?"
"Sì, Bella. Sei sveglia?"
"No.” 

Devo ammetterlo, ero sicura che avrei amato Fangirl alla follia. Chiariamoci, mi è piaciuto moltissimo e l'ho letto tutto d'un fiato, ma mi aspettavo di più.
In primis, c'è da dire che Fangirl non ha una trama piena di eventi e colpi di scena, è un romanzo molto lineare. In realtà, si limita a seguire la crescita di Cath e i suoi cambiamenti.

Nonostante questo, è impossibile non affezionarsi ai personaggi, soprattutto a Cath e Levi.
La loro relazione è sviluppata alla perfezione, nessun instant love, ogni cosa ha i suoi tempi e l'evoluzione della loro storia è molto realistica.

Che dire poi di Cath, una protagonista adorabile e nella quale è stato impossibile, per me, non immedesimarmi. Cath è il prototipo della nerd/fangirl che adora la sua serie preferita e che ama passare tempo a scrivere fanfiction su di essa, ed è decisamente timida e spesso a disagio con gli altri. Leggendo di Cath, a tratti, mi è sembrato di leggere di me stessa, e credo che questa sia una delle sensazioni più belle che un lettore possa provare.


I personaggi secondari sono tutti personaggi a tutto tondo, tutti caratterizzati alla perfezione. Ognuno di loro è realistico, non ho fatto nessuna fatica ad immaginarli come persone reali. Ciascuno ha i propri difetti e i propri pregi, e questo è decisamente un punto a favore del romanzo.

"Nelle situazioni nuove, tutte le regole più difficili sono quelle che nessuno di prende la briga di spiegarti. (E quelle che non puoi cercare su Google.)"

Lo stile di Rainbow Rowell è molto lineare e semplice, ma al tempo stesso è capace di far emozionare, quando necessario. L'inglese del romanzo è abbastanza facile e lo consiglio a chi vuole approcciarsi alla lettura in lingua con un livello di inglese medio-basso ma, da quel ho capito, in Autunno Fangirl verrà pubblicato anche in Italia.

Ma, adesso, veniamo all'unico aspetto negativo del romanzo: Simon Snow. Quella di Simon Snow è una serie composta da otto libri, e ha per protagonista un giovane mago in una scuola di magia. Vi ricorda nulla? Esatto, Harry Potter. Inizialmente ho apprezzato molto questo richiamo, che avevo interpretato come un tributo alla celebre serie della Rowling.
Ho pensato che l'autrice non avesse potuto citare direttamente Harry Potter per questioni di copyright o qualcosa del genere... questo fino a quando Harry Potter non viene espressamente citato, senza però riferimenti a Simon Snow. Questa cosa, sinceramente non mi è piaciuta, anzi, mi ha un po' puzzato di plagio.

Alla fine di ogni capitolo, vi sono estratti delle fanfiction scritte da Cath proprio su Simon Snow, soprattutto quelle della sua fanfiction più importante: Carry on, Simon!
Devo essere sincera, gli estratti di fanfiction non mi hanno coinvolta più di tanto ma, se a qualcuno fossero piaciuti, comunico che Rainbow Rowell ha pubblicato una storia interamente dedicata a Simon e Baz, protagonisti della fanfiction di Cath sotto il titolo di Carry on.

Per concludere, ho apprezzato moltissimo Fangirl, anche se non quanto mi sarei aspettata!


Cosa mi è piaciuto:
• La caratterizzazione dei personaggi
• Lo sviluppo della relazione tra Cath e Levi
• Levi *-*

Cosa non mi è piaciuto:
• Il modo in cui è stato gestito l'intero argomento Simon Snow
• Gli estratti di fanfiction
Difficoltà in lingua: bassa, lo consiglio a chi vuole approcciarsi alla lettura in lingua. Le parti in cui vengono riportate le fanfiction di Cat sono leggermente più difficili, ma nulla di insormontabile.

Altri romanzi di Rainbow Rowell:
• Per l'@more basta un click (Attachments, 2011)
• Eleanor & Park. Per una volta nella vita (Eleanor & Park, 2013)
• Landline (2014, inedito in Italia)
Carry on (2015, inedito in Italia)

Nessun commento:

Posta un commento