venerdì 14 ottobre 2016

Recensione "La corona di Fuoco" di Sarah J. Maas (Throne of Glass #3)

Titolo: La corona di fuoco
Titolo originale: Heir of Fire
Autore: Sarah J. Maas
Editore: Mondadori
Pubblicazione: 25 Ottobre 2016
Pagine: 448
Prezzo: € 19,90
Image and video hosting by TinyPic
"Era passata una settimana da quel giorno orribile in cui le era crollato il mondo addosso. Tutto a un tratto il mondo era sparito, inghiottito dall'abisso che regnava dentro di lei." Celaena Sardothien è sopravvissuta a combattimenti mortali e a orribili sofferenze, ma di fronte all'assassinio della sua più cara amica è sconvolta e annientata. Consumata dal senso di colpa e dalla rabbia, vuole passare al contrattacco, e mettere in atto così la sua vendetta nei confronti del responsabile dell'atroce delitto, il re di Adarlan. Ogni speranza per distruggere il tiranno, però, giace nelle risposte che potrà darle Maeve, la regina dei Fae, a Wendlyn. Sacrificando il suo stesso futuro, Chaol, il Capitano della Guardia Reale, l'ha mandata laggiù con l'idea di proteggerla, senza sapere che questo viaggio potrebbe invece costarle la vita. In quella terra lontana, infatti, Celaena dovrà confrontarsi con un'oscura verità relativa alla propria origine, ma soprattutto affrontare creature brutali e mostruose che intendono conquistare il mondo intero. Per sconfiggerle, però, dovrà prima di tutto accettare la sua vera natura e far pace con i propri demoni interiori, accogliendo finalmente il suo destino.

Throne of glass mi era piaciuto molto, pur essendo una storia abbastanza semplice mi aveva catturata e a fine lettura ero pienamente soddisfatta.
Crown of Midnight è stato, in una sola parola, perfetto. Ho amato tutto: i colpi di scena, lo sviluppo dei personaggi, la crescita di Celaena e le descrizioni.
Heir of fire, putroppo, ha un po' perso colpi. Il voto che gli ho dato è comunque altissimo perché c'è qualcosa, nei libri della Maas, che me li fa amare a prescindere. Eppure, da Heir of Fire mi aspettavo molto di più.
Il principale problema che ho avuto con questo libro è stato la lentezza inesorabile e insopportabile delle prime 200-250 pagine. L'autrice introduce diversi nuovi personaggi e amplia i POVs: oltre a quello di Calaena abbiamo quello di Dorian, di Chaol, di Aedion, di Manon e di Rowan.
Dalla seconda metà del libro in poi, quando i personaggi sono ormai stati introdotti, questo cambio di prospettive è piacevole e interessante. Nella prima metà, invece, risulta terribilmente noioso.
Come ho accennato prima, vengono introdotti numerosi nuovi personaggi.
Nonostante i suoi capitoli mi abbiano, inizialmente, annoiata moltissimo, devo ammettere che Manon Blackbeak è diventata la mia preferita. Manon è una strega, una Ironteeth, appartenente al clan delle Blackbeak, in lotta con gli altri due clan, le Bluebloods e le Yellowlegs. 
Manon è, allo stesso tempo, una strega senza cuore e incredibilmente umana, come si evince dal suo rapporto con Abraxos - che ho amato moltissimo!

Anche Aedion mi è piaciuto molto, soprattutto nelle sue interazioni con Chaol, che putroppo è stato messo un po' in disparte in questo terzo capitolo della serie.
Dorian, che in Throne of glass non ero riuscita ad apprezzare, continua a stupirmi e mi piace sempre di più. La Maas, invece, suppongo che lo odi: la sua vita è un perenne mainagioia, poverino!
I capitoli di Celaena mi sono piaciuti abbastanza, anche se non quanto in Crown of MIdnight, ho apprezzato molto la sua crescita, soprattutto nella parte finale (insomma, quanto è bella la scena nel palazzo della regina Maeve?).

E qui veniamo al tasto dolente: Rowan. Di per sé, Rowan è un personaggio che mi è piaciuto parecchio, ho apprezzato la sua storia e, inzialmente, anche il suo rapporto con Celaena. Ciò che non mi è piaciuto, invece, è quello che a me è sembrato un cambiamento di ship totalmente immotivato. Insomma, per farla breve, penso che il rapporto tra Celaena e Rowan diventerà qualcosa di più, e non ne sono molto contenta perché, insomma, Chaol! Io continuo a sperarci ma temo che non verrò accontentata.

Come al solito, non posso negare di avere apprezzato molto lo stile della Maas che, se possibile, diventa in questo terzo volume ancora più descrittivo... forse un po' troppo.
Nonostante questo, confido che la lentezza di Heir of fire sia dovuta all'introduzione dei nuovi personaggi e delle nuove ambientazioni, e che non vedo l'ora di buttarmi su Queen of Shadows!
La serie è composta da:
0.5 La Lama dell'Assassina (The Assassin's Blade, in Italia il 25 Ottobre 2016)
1. Il Trono di Ghiaccio (Throne of Glass)
2. La Corona di Mezzanotte (Crown of Midnight)
3. La Corona di Fuoco (Heir of Fire, in Italia il 25 Ottobre 2016)
4. Queen of Shadows (attualmente inedito in Italia)
5. Empire of Storms (attualmente inedito in Italia)
6. Untitled (nel 2017 in patria)

Nessun commento:

Posta un commento